Castelvetere Panorama

Castelvetere sul Calore: il borgo irpino che guarda l’infinito

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Castelvetere Panorama
Fonte: Facebook @CastelveteresulCaloreIRPINIA

Attraverso l’Ass.ne culturale La Ripa, Castelvetere sul Calore entra a far parte di Irpinia World – Esperienze Magiche, un progetto innovativo che raccoglie le voci dei giovani irpini per promuovere il patrimonio culturale materiale e immateriale del loro territorio, dando vita ad una vera e propria rete. Racconteremo di arte, religione, natura, folklore e vi porteremo in un viaggio nel tempo tra passato, presente e futuro…Preparatevi!

Presentazioni...

Ciao a tutti! Mi chiamo Castelvetere sul Calore, il mio nome significa “vecchio castello” e, infatti, sono talmente antico che non ricordo la mia vera età. Alcuni dicono che sono nato in epoca romana, altri in epoca medievale, ma qualche storico più scrupoloso ha ritrovato un certificato che attesta la mia adozione. 

Fiori a Castelvetere
Fonte. Facebook @Pasquale Bimonte

Nel 991 mi hanno affidato ad un convento di Salerno, e nei vari secoli sono stato adottato da numerose famiglie facoltose, che mi hanno arricchito di storia, di arte e di tradizioni. Anche la natura è stata molto generosa con me: il fiume Calore percorre la mia valle, le mie terre sono feconde e c’è il monte Tuoro che mi protegge dalle intemperie! 

Come se ciò non bastasse, davanti a me si apre un orizzonte vasto e meraviglioso che mi permette di guardare altri 28 paesi, ed è così bello che qualcuno mi ha chiamato “terrazza sull’Irpinia”.

Panorama Castelvetere
Fonte: Facebook @Fermenti d'Irpinia

Segni particolari...

Anche se non ricordo bene la mia età, nella mia memoria è impresso tutto ciò che è avvenuto all’interno delle mie mura: ricordo del Miracolo della Neve avvenuto intorno all’anno Mille, delle guerre, delle malattie, dei terremoti, delle feste, dei sapori, dei profumi che hanno invaso le mie strade.

Ordinaria tranquillità
Fonte: Facebook @Josè Lombardi

Ricordo il nome di tutti i miei figli che sono nati e cresciuti in me e con me, dandomi amore e regalandomi storia, arte, religione, folklore. Hanno dato vita alla cultura che ha reso immortale il mio nome e l’hanno condivisa attraverso il senso di comunità, ed io in cambio conservo ciò che ci appartiene e do loro quel senso di protezione che portano con sè anche quando si allontanano.

Madonna delle Grazie
Fonte: Facebook @Pasquale Bimonte

Appuntamenti...

Ora devo andare a controllare che sia tutto a posto: ai miei figli piace tanto stare insieme e il mio vino è così buono che non vorrei…finisca! La prossima volta, però, vi racconterò di un Miracolo che si perpetua nel tempo, e di una Mamma che protegge i castelveteresi – così si fanno chiamare i miei figli. Vi farò conoscere la Festa del 28 aprile, dedicata alla Madonna delle Grazie, una Donna che io considero la mia vera Mamma perché, al di là delle varie adozioni che ho affrontato lungo la mia esistenza, Lei mi aveva scelto prima ancora che nascessi.

Castelvetere sul Calore Borgo
Fonte: Facebook@Pasquale Bimonte
AUTORE
CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »