Raccolta gigli

Castelvetere sul Calore: la raccolta dei gigli per la Festa del 28 aprile

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Raccolta gigli
Fonte: Facebook @ Fermenti D'Irpinia

Gigli della madonna...

Come abbiamo già detto nei precedenti articoli, la Festa del 28 aprile non è scandita in un solo giorno, ma è un insieme di tante fasi di preparazione alla solennità della Madonna delle Grazie. Oggi scopriremo la raccolta dei gigli…

25 aprile...

Ogni 25 aprile, anziani, grandi e piccini si recano in montagna accompagnati dai canti della Madonna delle Grazie per riempire grandi ceste con dei fiori. Non si tratta, però, di fiori qualsiasi, ma di purissimi narcisi giunchiglia di colore bianco. 

Per la loro fioritura in questo particolare periodo dell’anno, i castelveteresi li hanno denominati “i gigli della Madonna”. Arrivando in un punto preciso del Monte Tuoro – sotto cui si erge Castelvetere- ci si ritrova davanti ad un’immensa radura dove crescono questi fiori delicati. 

Raccolta gigli della Madonna
Fonte: Facebook @Fermenti d'Irpinia

Una volta raccolti i fiori, si scende tutti insieme dalla montagna e, una volta arrivati in paese, si prosegue a piedi fino al Santuario. Le bambine portano in coppia le ceste di fiori, intonando i canti popolari della Madonna insieme a tutti coloro che sono andati in montagna o che le accompagnano nella loro ultima tappa. Dopo aver fatto la foto di rito davanti alla statua della Madonna in Piazza Monumento, ci si incammina verso il Santuario, dove verranno riposti i fiori. Il giorno successivo, questi fiori vengono infilati – da qualche volontario- davanti al trono su cui verrà riposta la Madonna alla sua  intronizzazione. Questa operazione di adornamento richiede molte ore, ma è sempre fatto come un atto di devozione alla Madonna. 

 

Gigli della Madonna
Fonte: Facebook@Fermenti d'Irpinia

Canti popolari...

Una strofa di un canto popolare che viene cantato dalle donne davanti al Santuario l’ultima sera della panificazione recita così: “E n’goppa a l’altare maggiore

là nce stà ‘no bello fiore, 

e non è giglio e non è fiore, 

è la Madonna dell’altare maggiore.”

Raccolta gigli 28 aprile
Fonte: Facebook @Pasquale Bimonte

simbologie...

Nell’ambito religioso il giglio è simbolo di candore, verginità e purezza. Secondo una leggenda, un tempo i gigli erano gialli. Quando la Vergine Maria si chinò per raccoglierne uno, al suo tocco il fiore cambiò colore diventando di un bianco candido.

appuntamenti...

Abbiamo scoperto un’altra tappa di questa Festa identitaria dei castelveteresi, che è unica nel suo genere. La prossima volta scopriremo la vestizione della Madonna e delle dispensatrici…non mancate!

Booking.com
Booking.com
AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »