Il dialetto dei ricordi: un’antica favola bisaccese

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Periodico La Torre, Bisaccia
La Torre, periodico di attualità e cultura del circolo "La Torre" - Bisaccia

Il periodico del circolo culturale “La Torre” è stato, per più di trent’anni, una della principali fonti scritte di Bisaccia, testimoniando la vita storica, sociale e culturale del paese dagli anni ’70 al 2000.

Sull’emblematica rivista bisaccese, usciva, nelle edizioni del 1998, un racconto intitolato “Il lupo e la volpe”, contenuto nella sezione Dai nonni ai nipoti, scritto da me e mio fratello, all’epoca ancora bambini. Si tratta di un’antica favola locale che si è tramandata nella mia famiglia di generazione in generazione, in dialetto bisaccese, su un lupo ed una volpe, compari di lunga data. Il lupo era particolarmente ingordo, mentre la volpe era scaltra e paziente.

Periodico La Torre, Bisaccia, anno 1998
La Torre, periodico di attualità e cultura del circolo culturale "La Torre" - Bisaccia, 1998

Era consuetudine per le famiglie del tempo riunirsi davanti al fuoco e raccontare storie. Mentre la fiamma illuminava, le parole accompagnavano la fantasia ed i ricordi di intere generazioni. Favole che custodivano ideali, valori, da cui si poteva cogliere  lo spirito popolare del luogo.

Quest’articolo è l’occasione per rispolverare il racconto di compare Lupo e comare Volpe e condividerlo in dialetto bisaccese, come mia nonna e, successivamente, mia madre lo raccontava a me.

Lu lupo e la orpa

Nc’era na ota nu Lupo e na Orpa. Nu iuorno lu Lupo passave nante a la tana re la Orpa e vedde ca stia appennenne certi belli pesciulini a na perteca.

Lupo: Che fai cummara Orpa mia?

Orpa: Ah Cumpà Lupo, stache app’nnenn sti pesciuline.

Lupo: E andù r’hai pigliat, cummara Orpa mia?

Orpa: Ahh, cumpà Lupo, haia sapè ca la matina priesto io aspetto ca passa lu pisciaiuolo e citta citta zompo ngimma a lu carretto, fazze carè na bella quera re pesciulini, me re accoglie e re porto qua a appenne, accussì quanne teng fame agge sempe re che mangià!

Lupo: Ahh cummara Orpa mia, mo àggia fa pur’io accussì!

E la matina appriesse aspettave ca passave lu pisciaiuolo. Cu nu zumpelo scive ngimma a lu carretto, ma seccome tenìa na fama ca nun se tenìa alerte, mmece re fa carè li pisci se re accummenzave a mangià.

Mo lu pisciaiuolo sentive nu rumore e se utàve pe’ verè chi era. Truàve a lu lupo ca mangiava e accummenzave a alluccà.

Pisciuaiuolo: Aha’aaaaa, tu si ca m’arrubbe tutte li pisci mie! Mo t’aggia fa verè io!

E pigliave nu bastone e accummenzave a menà mazzate. E ptpum e ptpam e lu fece nuovo nuovo. Po’ lu pigliave pe’ la cora e lu scettave pe’ terra, e se ne scive a lu mercato. E lu Lupo restave dda nterra tutto addolorato e cu na fama ca nun ce veria chiù.

N’ata matina, cummara Orpa scive a truà lu Lupo pecchè ulìa cumpagnia pe’ mangià nu poco re furmaggio e recotta inde a lu granaro re la massaria.

Orpa: Cumpà Lupo, ch’ahia fa stammatina? Uoi venì a mangià nu picca re recotta e furmaggio a la massaria ca lu pastore è sciuto a pasce re pecure?

Lupo: Ohhhhh, sine cummara Orpa mia, currìme… ca teng na fama!

Lu Lupo e la Orpa citto citto trasère inde a la massaria ca tenìa semb’ la porta aperta; se feccàre pe’ lu caùto re lu granaro e accummenzare a mangià a totta forza. La Orpa, furba, ogni tanto se scìa a mesurà se ancora passave pe’ lu caùto, ma lu Lupo, ca nun ce verìa ra la fama, mangiave… e mangiave… e mangiave.

Lupo: Cummara Orpa mia, pecchè fai nande e ddrèt a lu granare?

Orpa: Cumpà Lupo, mangia tu! Ca io vache a verè se ven lu padrone.

E lu Lupo nun se lu fece rice ddoie ote. A nu certo mumento, la Orpa vedde ca sì e no passàve pe’ lu caùto re lu granaro e, pigliate na fascieddra re recotta, risse a lu Lupo:

Orpa: Cumpà Lupo, io so sazia. Me ne oglie scì.

Lupo: Sine cummara Orpa mia, ma io tenghe ancora fama. Oglie mangià n’atu poco!

S’era fatto tarde, e lu padrone turnave. Sentive nu rumore inde a lu granaro.

Padrone: Ahhaaaa, mo aggia n’gappà chi se mangia semb’ ru furmaggio mio!

E, pigliate lu staffilo, accummenzave a menà mazzate. Lu Lupo pruàve a scappà pe’ lu caùto, ma la panza era cresciuta e nun ce capìa chiù. E ptpum e ptpam e ptpum e ptpam, lu padrone lu fece nuovo nuovo. Po’ lu pigliave pe la cora e lu sbattive ddra fore, andù era assettata la Orpa.

La Orpa se stia mangianne la recotta ca se era purtata e nu poco se la posse ncape. Po’ se avvecenave chianu chianu a lu Lupo.

Orpa: (Uoie verè ca è muorto!)

Cu na zampa lu mosse nu poco e lu Lupo aprive n’uocchio.

Lupo: Ohhhh! Cummara Orpa mia, agge scuntate tutte quero ca m’agge mangiate! Oimmè r’ossere! Oimmè li rine! Maronna quanta botte ca agge aùto!

Orpa: (Teh, è vivo!) Che parle a fa cumpà Lupo, nun vire ca a me m’è assuto lu cervello ra fore! Te lamiente tu!

Lu Lupo, cu l’uocchie ancora abbuttate, la uardave nu poco e vedde la recotta….

Lupo: Oh, povera cummara Orpa mia, allora haie abbuscate pure tu!

Orpa: Tenghe na seta!… Io sacce nu puzzo ra ste parte, ma nun me la fire re arrevà!

Lupo: Pur’io tenghe na seta, cummara Orpa mia! Aspetta, mo veche se me tenghe alerte…. Nchiane ngimma a me, cummara Orpa mia, ca mo te porte io!

Cu nu zumpelo la Orpa scive ngimma a lu Lupo e se abbiave. Camine e camine la Orpa accummenzave a cantà pe’ fa passà lu tiempo.

Orpa: Turlì e turlì e lu muorto porta a lu vivo! Turlì e turlì e lu muorto porta a lu vivo!

Lupo: Che dice cummara Orpa mia?

Orpa: Niente, niente, cumpà Lupo, riche l’Ave Maria pe l’anema toia e pe l’anema mia! Turlì e turlì e lu muorto porta a lu vivo! Turlì e turlì e lu muorto porta a lu vivo!

Quanne arrevare a lu puzzo subbeto la Orpa risse:

Orpa: Cumpà Lupo, tieneme pe la cora ca io scenche a beve…

Lupo: Sine, cummara Orpa mia!….

Subbeto subbeto la Orpa veveppe e lu Lupo la terave.

Lupo: Mo m’haia tenè pure tu pe’ la cora, cummara Orpa mia!

Orpa: (Haie ritte niente!) Vabbuò, però muovete, nun sta tre ore!

E lu Lupo scese inde a lu puzzo e accummenzave a beve. Mo, seccome avìa mangiate assaie furmaggio, vevìa e nun se parìa a ressetà. E la Orpa accummenzave a cantà pe’ fa passà lu tiempo.

Orpa: Lippe lippe lappe e la cora mo me scappe! Lippe lippe lappe e la cora mo me scappe!

Lupo: Che dice cummara Orpa mia?

Orpa: Niente, cumpà Lupo… MUOVETE!…. Lippe lippe lappe e la cora mo me scappe! Lippe… lippe… lappe… e la cora mo me scappe!

E lu Lupo vevìa e vevìa e… vevìa!

Orpa: Lippe… lippe… lappe… e la cora… mo me scappe! Lippe… lippe… lappate e la cora m’è scappata!

E cu nu tonfo lu Lupo carive inde a lu puzzo e restave ddra tutto lu iuorno e forse pe’ la notte pure! E la Orpa?

Orpa: Stattebbuono cumpà Lupo!

E la Orpa se ne scive cantanne… cantanne…

Fine 

 

AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »