“Il Volo dell’Angelo” tra virus e ricordi

ANNUNCIO
  • irpinia world pubblicità
  • trattoria zia michelina
CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Il Volo dell'Angelo di Gesualdo
Foto di Ivo Caruso - Ed. 2006

In questa terra che trasuda lacrime, Campari e Peroni, ci sono storie antiche, tradizioni secolari fatte di risate, compari e santi patroni. In Irpinia, le diverse foglie trasportate dal vento segnano il lento perpetuarsi di un tempo mai domo e mai diverso. In questo verde e calmo mare, il mese di agosto segnava, in concomitanza con la raccolta dei cereali, la fine delle fatiche.
Come da tradizione pagana, e fortemente meridionale, le primizie del raccolto venivano offerte agli dei e poi al Santo, da qui i tradizionali obelischi in paglia comuni in quasi tutta irpinia, con i “Carri” di Fontanarosa e Mirabella a farne da padroni.

ANNUNCIO
  • irpinia world pubblicità
  • trattoria zia michelina

Se la tradizione nolana ha avuto terreno fertile in quasi tutta Irpinia, a Gesualdo il ringraziamento post mietitura fu sempre indirizzato verso un santo. San Vincenzo Ferreri, martire spagnolo, vissuto nel quattordicesimo secolo, capace di ammaliare e proteggere tutte le generazioni gesualdine.

Il culto del Santo, qui da noi, ha una storia così originale da poter essere paragonata alle origini del culto di San Nicola di Myra in Italia, poi divenuto di Bari, Santo patrono di Gesualdo. Quest’ ultimo ha l’ onere di essere il nostro santo patrono, l’onore però, è tutto nell’indice alto del Taumaturgo san Vincenzo.

La leggenda

La leggenda narra che durante la dominazione spagnola nel meridione una statua del santo era diretta verso Paternò, influente città siciliana dell’epoca. I carovanieri, vuoi per una mancata praticità con i caratteri scritti, vuoi per il volere del santo, si diressero verso Paternopoli. Sostarono a Gesualdo la notte prima della consegna, purtroppo per loro la notte non fu nè quieta nè priva di tormento. 

La popolazione di Gesualdo, rapita dalla bellezza della statua, picchiò i carovanieri e gli emissari vescovili spagnoli trafugando il meraviglioso santo di legno. Da allora San Vincenzo entrerà di diritto in ogni preghiera paesana, spodestando il patrono e salvando il raccolto gesualdino da varie annate di siccità. (è risalente ai primi anni del 900′ una preghiera controfirmata dal Vescovo di Avellino che lo indica come “Inclito protettore del paese di Gesualdo”).

ANNUNCIO
  • trattoria zia michelina
  • irpinia world pubblicità
San Vincenzo Ferreri
Foto di Ivo Caruso - Ed. 2006

Dal libro “Il volo dell’angelo a Gesualdo”, di Giovanni Fulcoli: “la prima manifestazione in onore del santo risale al 1822, mentre il giorno ed il mese non erano fissi perchè tutto allora dipendeva dal lavoro nei campi. L’agricoltura, infatti, risultava attività determinante nel paese, tant’è che la stessa Confraternita del SS.mo Rosario si scioglieva da giugno a settembre , mesi di “fatiche e di raccolti”.

Se oggi l’ultima domenica di agosto segna la data celebrativa del santo, un tempo questa poteva addirittura spostarsi a fine settembre, per la stracitata importanza del lavoro agricolo in quella lontana società simil feudale.

Il Volo

In onore del Santo, ogni anno, probabilmente da quasi 200 anni, si rievoca l’antica lotta tra il bene ed il male che vede come protagonisti Lucifero e l’ Angelo del Signore.  Quest’ultimo viene interpretato da un bambino/a bardato di armatura e spada e sollevato su Piazza Neviera con una corda tesa dal castello al campanile della chiesa del SS.mo Rosario. La parte recitata dall’angelo è rimasta immutata nel tempo se non per minuzie lessicali, mentre il diavolo apporta sempre modifiche al copione, soprattutto nella prosa satirica dove si immedesima nel male e nei potenti del mondo.

Volo dell'Angelo 2019
Foto di Rocco Savino - Ed. 2019

Durante questo teatrale duello, la piazza gremita segna il tempo della marcia di Radetzky ed ogni anno, come se fosse la prima volta, esulta senza freni alla vittoria del piccolo angelo che segna la supremazia del bene. La rappresentazione si chiude in serata con la processione ed il lancio del cestino di rose.

L’angelo, previa raccomandazione “di rifuggire ogni tentazione peccaminosa stringendosi alla figura del gloriosissimo Santo”, farà ritorno nel regno dei cieli.

Il Volo nel tempo e nel 2020

Evento memorabile fu il volo del 1863, sempre presente nei racconti di tutti i miei concittadini, quando la fune si spezzò ed il piccolo angelo, come trasportato dai venti Zefiri e dalla mano del Santo, volò verso l’albero più vicino, svegliandosi illeso. Altro anno da ricordare sarà sicuramente il 2020, unico anno senza le celebrazioni del Volo. Si festeggiò durante la Grande guerra, in presenza delle camicie nere fasciste e tra le macerie del terremoto dell’ 80′ eppure, un piccolo virus insito dentro di noi, quest’ anno toglierà al popolo gesualdino quell’ultimo anelito di speranza rimasto, tra monotonia e voglia di andare.

ANNUNCIO
  • irpinia world pubblicità
  • trattoria zia michelina
Manifesto San Vincenzo Ferreri
Manifesto del 1899

Questo virus non ha capside nè codice genetico, si diffonde per osmosi e corre veloce. La paura e l’ ignoranza. Il gloriosissimo santo non sarebbe fiero di noi, puntiamo il dito invece di alzarlo, ci facciamo soli conoscitori della verità, speriamo nella morte degli angeli in mare, e guardiamo tutti con diffidenza

Volo dell'angelo
Foto di Rocco Savino - Ed. 2019

Questo periodo storico ci ha insegnato che il virus siamo noi, vive nelle nostre parole e prolifera nei nostri atti, si moltiplica con l’accidia dei nostri sguardi e diviene immortale nella violenza. E’ semplice “non fare”, è immediato “chiudere”, è politicamente vantaggiosa la propaganda becera, eppure di idee e soluzioni ne è pieno il mondo.

Mi chiedo quanto altro ancora dovrà vedere San Vincenzo, in questo anno senza tempo, in questa Irpinia senza vita, in questo mondo con più plastica che torrone, più paura che amore.

Autore Giovanni Nitti

ANNUNCIO
  • trattoria zia michelina
  • irpinia world pubblicità
AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »