Home » Aiello del Sabato » La Festa di San Pietro

La Festa di San Pietro

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
San Pietro
Foto di "Comunità della Sabina"

Il termine “tradizione” negli ultimi anni ha perso la sua primitiva connotazione ma se si può abbozzare un significato proprio della parola è, per me, sicuramente l’insieme di consuetudini che donano un costume proprio di un paese,nel mio caso: Aiello del Sabato. È di certo un qualcosa che si presta a infondere un certo senso di sicurezza e stabilità, ispira una solida fiducia in una qualità sperimentata negli anni ed evoca la tenera immagine del buon tempo passato, in un momento in cui si guarda sempre più con apprensione e diffidenza verso certi  aspetti del “progresso”. Per fortuna nei piccoli paesi dell’Irpinia le tradizioni sono ancora valorizzate e portate avanti con un grande orgoglio.

Una tradizione di Aiello del Sabato è sicuramente la festa di San Pietro, patrono della Frazione Sabina.

Il racconto della festa: tra folklore e devozione

Il 29 Giugno di ogni anno tutti gli abitanti e ‘ncoppa a Savina si preparano a festa per venerare San Pietro. La processione, la sagra e i festeggiamenti in onore del Santo uniscono la comunità. La festa che, puntualmente ogni anno, apre l’estate aiellese è tra gli eventi più importanti del paese. Nei giorni della settimana del 29 giugno la Sabina si colora delle mille luci delle luminarie e finalmente nell’aria si sente l’estate. La lunga strada che porta alla piccola e suggestiva chiesa è piena di gente che accorre per assaporare le fantastiche e squisite “fave con il maiale”, un piatto semplice ma che ha un gusto unico che solo le signore della Sabina, con amore e piacere, ogni anno si apprestano a cucinare.

Luminarie San Pietro
Foto di "Comunità della Sabina"

I giorni di festa sono per tutti: dai più piccoli ai più grandi, tutti in quei giorni si divertono e onorano al meglio il Santo. Nel giorno della processione tutti si svegliano con il suono della “banda” che intona musiche di festa e i più devoti portano in giro per la piccola e caratteristica Frazione, situata a confine tra il Comune di Cesinali e di Atripalda, il Simulacro del Santo. Sui volti delle persone più anziane si legge la loro vera devozione e i loro occhi, pieni zeppi di esperienze e puri, luccicano mentre lentamente percorrono la dritta via che costituisce la Frazione.

Squadra San Pietro
Foto di Massimo Landi

Loro, anche se stanchi di una vita per lo più fatta di sacrifici, cercano di tenere viva la festa. Cercano di far innamorare i più giovani della loro cultura e della loro tradizione.

AUTORE
CONDIVIDI
NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

Lascia un commento

Translate »
error: CONTENUTO PROTETTO!
Torna su