MONTEFALCIONE - GROTTA

Montefalcione e il mistero della grotta dell’Orno

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
MONTEFALCIONE - GROTTA

Bentornati su Irpinia World!

All’ombra di alberi secolari, nel fitto dei boschi che circondano Montefalcione, sono ancora molte le tracce della storia antica del nostro paese che attendono pazienti di essere riscoperte. Resti che hanno resistito al lento scorrere dei secoli, esiliati dalla memoria comune e divenuti un tutt’ uno con la vegetazione circostante.  Simboli importanti della vita di ere passate che ancora custodiscono preziose informazioni sulla nostra passata identità. Trovarsi d’improvviso di fronte ad uno di questi reperti risveglia sentimenti di reverenza e rispetto, quasi se ne percepisce immediatamente l’enorme rilevanza storica.

MONTEFALCIONE - GROTTA

La Grotta

Ed è cosi che ci sentimmo il giorno in cui ci imbattemmo nella grotta di Contrada Orno. Sapevamo che tra i boschi a confine tra Montefalcione e Montaperto era stata identificata questa peculiare struttura, ma avevamo pochissime informazioni sulla sua esatta locazione. Il testo “Raccolte di Superficie” di Simone D’Anna, ne accennava in un breve paragrafo, proponendo interessanti teorie sulla sua possibile funzione. È possibile che si trattasse di una cappella rupestre scavata nel tufo in epoca paleocristiana. I simboli incisi sull’arcata d’ingresso e su alcune sezioni delle pareti interne sembravano sostenere questa ipotesi. Esistevano, inoltre, notizie relative alla presenza nella stessa area di una chiesa dedicata a S. Nicola de Cibariis, di cui rimane soltanto un blocco in marmo, molto probabilmente parte dell’entrata, che ancora portava i segni del perno del portone d’ingresso.  Questa informazione consolidava la possibilità dell’esistenza di culti paleocristiani in quest’area del nostro territorio.

MONTEFALCIONE - D'ANNA
Copertina di Raccolte di superficie di Simone D'Anna

Oggi il terreno circostante, a causa di pioggia e frane,  ha ricoperto gran parte della struttura, lasciando in superficie soltanto la parte superiore dell’arcata e una breve sezione dell’entrata, facendola assomigliare, appunto, ad una piccola grotta. Ciò è però già sufficiente a comunicare l’imponenza e la sacralità del luogo.

MONTEFALCIONE - GROTTA

Raggiunta la grotta rimanemmo in silenzio, consci del peso dei secoli che gravava sul luogo. È inevitabile provare ad immaginare le schiere di credenti che attraversavano questi boschi, quasi due millenni fa, per riunirsi in preghiera. I raggi di sole che penetravano tra le alte fronde degli alberi creavano tutt’intorno giochi di luci ed ombre che accentuavano l’aspetto di misterioso fascino del posto. Ci trattenemmo ancora un poco, esplorando i dintorni alla ricerca di ulteriori tracce. Ma non c’era che fitto bosco, quasi la foresta si fosse sforzata nei secoli di spingere sempre piú alberi verso il cielo a guardia del segreto che nascondeva.

Ci allontanammo carichi di quella soddisfazione tipica di quando si sfida l’improbabile e si vince.

 

Articolo a cura di Davide Lepore

AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »