Fontana di Gaudi Monteforte

Monteforte e i suoi quartieri: Gaudi la terra dei briganti

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Fontana di Gaudi Monteforte
Foto di Valentina Manna

Dividendo idealmente Monteforte nelle 7 Contrade storiche con cui i concittadini si sfidavano durante il Palio di San Martino, possiamo scoprire un microuniverso di storie. Iniziamo dal borgo più estremo, al confine con la Bassa Irpinia: Gaudi, territorio conosciuto come nota tana di briganti post unitari.

Le 7 frazioni di Monteforte

Il numero 7 in numerose culture ha significati simbolici e religiosi: pensiamo ai 7 Colli su cui si fondano sia Roma che Lisbona, ai 7 Re di Roma, alle 7 virtù di un buon cristiano, ai 7 Dei della felicità buddhista, ai 7 Sacramenti cattolici, ai 7 chakra del corpo umano, alle 7 città italiane il cui nome è composto da 7 lettere. 

Fonte: Comuniverso.it
Fonte: Comuniverso.it

Potrei continuare questa lista all’infinito, ma quello che su cui riflettevo qualche giorno fa è che anche Monteforte è suddivisa proprio in 7 frazioni. Sia stato il caso, una ragione storica o morfologica al momento non mi è dato saperlo. Tuttavia, possiamo cogliere questo spunto per conoscerla un po’ più approfonditamente.

Il Palium Sancti Martini: ideale punto 0

Come ho ricordato in un mio precedente intervento (se vuoi leggere l’articolo clicca qui) nel 1109 Guglielmo il Carbone, novello Signore di Monteforte, organizza un palio a Monteforte per accalappiarsi il benvolere del suo feudatario Roberto di Sanseverino e della popolazione, la quale suddivisa nelle sue 7 frazioni (Gaudium, Borgo, Pronella, Molino, Loffredo, Bottai e Taberna) si sfidava in giochi e tornei.

Partendo da questa ideale suddivisione e solleticando il senso di appartenenza di ogni montefortese, proporrò da oggi alle settimane a venire qualche spunto, qualche racconto, che faccia riferimento ad ognuno di questi mini borghi, questi mini universi che traboccano di storia.

Stendardo Gaudi Monteforte Irpino
Foto gentilmente concessa da Antonello Capone

Gaudi e la sua fontana

Partirò oggi dalla parte più occidentale di Monteforte, quella che confina con la bassa Irpinia, precisamente con Mugnano del Cardinale e si spinge a poco prima di Campi, una delle zone più in alto di Monteforte. Sto parlando di Gaudi, percorsa in tutta la sua lunghezza dalla SS7bis. In auto, come mi capita spesso, presa dai mille pensieri e dal tran tran della quotidianità – ahimè – trovo molto difficile scorgerne una qualche caratteristica che possa abbagliare gli occhi. Tuttavia, c’è da fare una eccezione per una splendida fontana che si trova al km 29 della strada.

Particolare Fontana dei Gaudi Monteforte
Foto di Valentina Manna

La “fontana dei Gaudi” o per la precisione “Fontana Carlo III” fu voluta dall’omonimo sovrano borbonico si inserisce in un ideale percorso di fontane irpine. Esse erano disseminate lungo la via “Regia”.

Tale strada collegava Napoli alla Puglia, granaio della Campania, attraversando Monteforte e per l’appunto la nostra Gaudi. Ma di questo parleremo in un’altra occasione, se avrete piacere di seguirmi.

Gaudi avamposto del popolo hirpino

Lo scrittore e ricercatore storico Carmine Santulli ritiene che l’inizio del territorio montefortese – quindi Gaudi- coincida con Portalupara, un valico densamente abitato che divideva, durante le guerre sannitiche, le tribù caudine, i cui domini si fermavano nel territorio avellano, e quelle hirpine, che sfruttando le asperità del territorio, rimanevano salde tra Abellinum, Aeclanum e Compsa.

La toponomostica del luogo potrebbe trarre in inganno: Gaudi non deriva certo dal latino “Gaudium”, riferendosi a qualcosa di gioioso e felice! L’ipotesi più accreditata fa invece riferimento alla parola longobarda “Wald” ovvero “bosco”. In effetti quei luoghi erano protetti da folte selve ed era molto facile nascondervisi.

Panorama Monteforte Irpino
Foto di Valentina Manna

Gaudi e i terribili briganti postunitari

La caratteristica del luogo si è conservata intatta fino ai tempi dell’Unità d’Italia. Molti briganti, stanziatisi nei boschi, coglievano l’occasione per depredare impunemente tutti i passanti della Via Regia. L’eco delle efferatezze dei briganti locali si diffuse così sonoro da costringere il neonato governo d’Italia ad inviare una intera compagnia di bersaglieri a presidiare i luoghi in una vera e propria caccia al ladro.

Manfra e Palumbo: i più sanguinari di Gaudi

Il nome più temibile era proprio quello di un cittadino montefortese, tale Pietro Manfra. Secondo un libello del 1940 ad opera di  Gabriele Criscuolo, si racconta che le autorità avellinesi avessero posto sulla sua testa una taglia di 20mila lire (paragonabili a circa 100 milioni di lire del 1940). 

Banda di Briganti post unitari
Fonte Wikipedia

Il brigante Manfra fu tradito proprio dal prete che lo nascondeva e da cui era solito rifugiarsi tutte le sere per cena. In accordo con le autorità, durante uno di questi pasti, il prete con la complicità della sorella – che lo scrittore raffigura come una energumena – lo avesse immobilizzato ad una sedia e finito con una coltellata al cuore. La rapidità dell’atto fu tale che la sua banda, posta a guardia fuori dall’abitazione, non si era minimamente accorta di quanto avvenuto all’interno. Manfra, che aveva una storia d’amore segreta con Mariannina Della Bella, una giovane contadina montefortese andata poi in sposa all’allora Sindaco di Monteforte Don Giovanni Amodeo, lascia come testimonianza una lettera in cui rimprovera la donna di averlo lasciato e in cui rivendica la paternità del figlio che lei portava in grembo! Il gossip esisteva anche allora! Se vuoi saperne di più clicca qui. A succedere a Manfra sul “lavoro” invece, il suo crudelissimo vice, il brigante Antonio Palumbo, il quale ordinò la morte per “crocifissione” di un povero malcapitato, la cui croce fu installata proprio davanti alla Caserma dei Carabinieri sita in Porta Puglia, come atto di sfregio alle autorità.

Se vuoi sapere qualcosa in più sul brigantaggio clicca qui.

Gaudi oggi

Fortunatamente oggi Gaudi è un posto molto più tranquillo da attraversare e di Porta lupara non rimane che il nome di una strada! Per fortuna percorrendola non c’è più il rischio di essere assaliti da orde di briganti feroci! Ma avreste mai immaginato che in una frazione così piccina di un paese, spesso considerato soltanto di passaggio, si potessero racchiudere storie e aneddoti così stuzzicanti? Io ne sono rimasta colpita! Chissà quante altre sorprese scopriremo nelle prossime tappe di questo “viaggio”. Spero di portarvi tutti a bordo con me! A presto!

N.B. Se non sei mai stato a Monteforte Irpino e vuoi un piccolo assaggio: leggi qui!

AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

2 commenti su “Monteforte e i suoi quartieri: Gaudi la terra dei briganti”

    1. Valentina Manna

      Grazie sig.ra Faraldo. Spero di poter stuzzicare la sua curiosità anche in futuro. Un caro saluto.
      Valentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »