Chiesa di San Nicola di Bari Monteforte Irpino Molino

Monteforte e i suoi quartieri: Molino, borgo di mugnai imprenditori

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Chiesa di San Nicola di Bari Monteforte Irpino Molino
Foto di Valentina Manna

Oggi il percorso segnato dal Palio di San Martino di Monteforte Irpino ci porta alla contrada Molino, che più che essere una zona specifica del paese, lascia alludere ad una delle costruzioni che caratterizzava il territorio. Un’opera di fine ingegneria idraulica, pensata per i mugnai e i contadini, in un pieno spirito collettivo.

Unità vs Complessità

Quando la storia ci pone dinanzi a periodi duri, a sfide difficili, come possiamo noi uomini e donne comuni misurarci con la complessità? La prima e umile risposta che mi salta in testa in un pigro sabato pomeriggio è sicuramente questa: l’unità. Come un torrente accoglie e accetta tutti i suoi rii e affluenti minori così dobbiamo accogliere e accettare la diversità di tutti e muovere verso una sorte comune che non tenga conto di differenze. Tutti fratelli, tutti animati dalla consapevolezza della dignità umana. La metafora del torrente mi attraversa la mente proprio mentre mi accingo a parlare di Molino, la prossima contrada impegnata nel palio montefortese

stemma contrada molino palio monteforte irpino
Foto gentilmente concessa da Antonello Capone

Il "Molino": ingegneria e civiltà

Questa volta, come vi dicevo, è il turno di Molino: la zona è ubicata alle spalle della Chiesa di San Nicola di Bari. Ci allontaniamo dalle pendici del Castello (se vuoi approfondire clicca qui e qui) e ci inoltriamo nel centro. Poco fa ho menzionato, non a caso, il termine torrente. 

torrente fenestrelle monteforte irpino
Foto di wikipedia.org

Questo perchè è sul Monte Carafone di Monteforte e sul colle dei Faliesi che nasce il Fenestrelle: esso altro non è che un insieme di ruscelli e torrenti minori che costituiscono il più importante torrente della città di Avellino. Sulle sue sponde sono nate nei secoli non solo piccole attività semi-industriali che permettevano lo sviluppo del capoluogo ma anche un discreto numero di Mulini, che permettevano la produzione e lavorazione del grano. Ciò è accaduto ovviamente anche a Monteforte. Se vuoi saperne di più sui Mulini della zona clicca qui.

I Mulini o il "Molino" di Monteforte

Secondo il testo “Storia del territorio” di Carmine Santulli, la zona dei Mulini o semplicemente Molino, di cui attualmente non si rileva traccia alcuna, rappresentava per il paese un luogo dove si potevano osservare delle opere di ingegneria piuttosto originali. 

antico mulino ad acqua
foto di edigroup.it

Le acque del Fenestrelle venivano captate con un sistema di torri, vasche e paratie che a comando venivano aperte e chiuse. Una parte di queste acque venivano indirizzate alle case nobiliari; un’altra parte invece assolveva ai compiti di molitoria, irrigazioni oltre a quelle di acquedotto. Uno dei Mulini di cui si conservano documenti o tracce addirittura fino all’inizio del ‘900 è quello detto dei “Pagliuonici” e quello appartenuto ad Adolfo Ciorba – il primo e l’unico ad essere motorizzato – che è stato attivo fino agli anni ’70 sempre del ‘900. Il primo era ubicato proprio nel quartiere di cui stiamo parlando oggi; il secondo accanto ai vicoli primo e secondo Mulino. Sempre il Santulli racconta, che alcune strutture, all’inizio del secolo scorso, furono trasferite in zona Molinelle, ovvero nella parte bassa di Monteforte confinante con Mercogliano ed Avellino.

L'economia dell'umanità è come un "Molino"

La capacità di una comunità di sostentarsi attraverso l’imprenditoria ha reso i popoli sempre più ingegnosi e indipendenti dal potere di tipo feudale e nella nostra Italia meridionale questi esempi sono sempre stati molto rari nei secoli. Monteforte, e Molino in particolare, rappresentavano una bella realtà. La laboriosità e l’inventiva rendono l’uomo libero e più eguale all’altro. Poter far progredire il paese oltre al proprio interesse e benessere personale può essere paragonato in qualche modo allo scorrere delle acque del torrente Fenestrelle, che accoglieva tutte le diversità e le opportunità dei cittadini di Monteforte e li conduce in un’unica direzione, quella dell’umanità.

macine di mulino ad acqua
Foto di archeologiaindustriale.net

In tempi come questi solo il rimanere uniti e il prendersi cura l’uno dell’altro con consapevolezza e rispetto ci aiuterà ad uscirne fuori: proprio come le acque dei torrentelli si uniscono, dobbiamo prenderci tutti per mano – metaforicamente – e combattere questo maledetto virus trovando il giusto compromesso tra tutela della salute e dell’economia.

Se vuoi saperne di più del torrente Fenestrelle clicca qui.

Booking.com
Booking.com
AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »