La Sagra della castagna di Serino: “la più antica d’Irpinia”

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Sagra della castagna di Serino
fonte- google

Che ritorni un’altra estate di San Martino da ricordare, l’attesa della festa, della Sagra della castagna di Serino, “la più antica d’Irpinia”.ella Sagra della castagna di Serino, “la più antica d’Irpinia”.

Il calore di Serino e della sua "virulera".

Erano gli anni 70 gli anni dei Led Zeppelin e dei Pink floyd, gli anni della trasgressione,della libertà e della creatività, nelle discoteche serinesi risuonava forte “you should be dancing” dei “Bee Gees” e su questo ritmo di innovazione nacque la sagra della castagna che ad oggi è la più antica d’irpinia.

Se l’amore è quell’apostrofo rosa tra le parole “t’amo” per noi la sagra è l’apostrofo, il ponte, tra l’estate e il Natale.

Giunta ormai alla 44 edizione la sagra negli ultimi anni ha riscosso importanti successi, frutto del lavoro sinergico della Pro loco di Serino e delle numerose associazioni locali.

È grazie all’entusiasmo e l’impegno di tutta la comunità che riesce ancora a detenere il titolo di sagra “Più antica d’Irpinia”.

Con il terminare della raccolta, l’autunno già inoltrato, il suggestivo borgo di Rivottoli – popolato da anziani legati ad antichi valori e di giovani orgogliosi che continuano sul loro esempio – si prepara a celebrare il suo frutto più pregiato.

Già da diversi mesi prima, le associazioni e i giovani si riuniscono e si dividono i compiti; c’è chi si occupa di allestire e chi con si accaparra il garage o la cantina di turno. Senza dimenticare di chi si occupa della parte burocratica e culinaria.

“Abbarati a che faciti” (attenti a quello che fate), e “chesto vuliti fa, semp feste e mal tiempo” (volete fare sempre festa e danni), sono raccomandazioni che gli adulti fanno ai giovani.

In giro per il borgo possiamo trovare svariati elementi; garage in cui semplicemente si mostrano “i ferri del mestiere” di ottobre, in cui si assaggiano le migliori pietanze della tradizione, gli anziani castagnari e castagnare cuore pulsante della sagra pronti ad intrattenerti con racconti storici, i ragazzi della Rosamarina, quelli della Montemaranese e l’immancabile Mascarata! Elemento di spicco, la grande novità delle ultime edizioni è la “virulera gigante”. Realizzata da un artigiano serinese detiene il record della più grande d’Italia. Proprio questo oggetto (in misure ridotte) è immancabile nelle case dei serinesi.

Per il mondo rappresenta una semplice padella bucherellata, per noi, non è proprio così, è molto di più!

La “virulera” significa: calore, ospitalità, tradizione e famiglia.

Quella padella e il fuoco che l’alimenta, hanno unito amici, e infiammato amori.

Nel periodo di ottobre, la “virulera” accompagna il serinese al bosco e rappresenta un intramontabile strumento per concedersi una dolce pausa a base di caldarroste le cosiddette “virole”, da cui ne deriva il nome.

 Padrona indiscussa delle domeniche di ottobre, è presente anche a dicembre nelle case di ogni serinese che si rispetta! Nessuno che non l’abbia usata almeno una volta nella vita può capire.

Non può capire i ricordi che evoca, il gusto diverso della castagna cotta in questo modo e “se c’è un po’ di quel Vinello diventa tutto ancor più bello”!

Ora purtroppo tutto è fermo, ma tutta la comunità di Serino nel cuore cela un forte desiderio.

Che ritorni un’altra estate di San Martino da ricordare, l’attesa della festa, della sagra, “la più antica d’irpinia”.

Abbiamo ancora bisogno di rievocare questi momenti, intessuti di emozioni, di risate, in compagnia di amici vicini e lontani, e di amici che ci guardano da lassù, abbiamo ancora bisogno di dire: “ma ti ricordi l’anno scorso ad ottobre?!”

la virulera
AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

1 commento su “La Sagra della castagna di Serino: “la più antica d’Irpinia””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »