Paese di Atripalda della Campania

Atripalda: città dei mercati

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Paese di Atripalda della Campania
fonte facebook: @vogliamo lo storico mercato del giovedì in piazza umberto I di atripalda

Spesso la storia di un paese non è fatta soltanto di grandi avvenimenti ma anche di tradizioni popolari degne di essere tramandate ai posteri. Ad Atripalda, antico e grosso centro commerciale della provincia, prima ancora che sorgessero i mercatoni di Torrette e di via Ferriera, durante il tradizionale mercato del giovedì ma anche negli altri giorni della settimana era possibile acquistare le cose più strane ed impensabili ai giorni nostri… Come i sanguettari, ovvero i venditori di sanguisughe. 

Officine all’aperto improvvisate che fornivano arnesi come coltelli, forbici ai macellai; insomma vi erano tante cose che per i tempi di oggi possono essere considerate futili perché ci sono i negozi per qualsiasi cosa ma soprattutto le macchine che hanno sostituito l’uomo in tantissime cose. Credo che non potremo mai immaginare la gioia che provava un bambino a quell’epoca vedendo tante bancarelle una dopo l’altra, ognuna con un qualcosa da offrire. Ma anche per gli adolescenti, era visto come una nostra giornata di shopping, solo che loro avevano meno scelta di noi negli acquisti, però li faceva ugualmente felici anche se quello che avevano appena comprato casomai lo avevano messo altre dieci persone prima, questo non importava.

Paese di Atripalda della Campania
fonte facebook: @vogliamo lo storico mercato del giovedì in piazza umberto I di atripalda

Il mercato di Atripalda malgrado tutto si imponeva nei suoi semplici aspetti, vera e propria rappresentazione di una vita vissuta. Perché tutti avevano da raccontare qualcosa, da chi vendeva il gelato a chi puliva i bagni pubblici, persone con un po’ di storia ma soprattutto gran cuore. Quando ero più piccolo andavo spesso al mercato del gioveì con mia mamma e mia zia, ovviamente totalmente diverso da quello di un tempo ma comunque con quel non so che di magico, che ti faceva sentire bene e felice, che non ti faceva pensare a nient’altro oltre che guardare tutto con gli occhi pieni di gioia e poi acquistare sempre come se stessi comprando la cosa più bella del mondo. Ancora oggi gli atripaldesi portano con onore ed orgoglio la tradizione del mercato, anche con il passare del tempo, chi ci può fermare?

AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »