immagine in evidenza proverbi e filastrocche

Filastrocche e proverbi arbëreshë

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
immagine in evidenza proverbi e filastrocche

L’idea nasce dal fatto di voler raggruppare in un unico articolo alcuni dei proverbi e delle filastrocche arbëreshë più noti, così da suscitare interesse in chi ne è ignaro, e l’entusiasmo nei miei concittadini, che ripercorreranno i momenti in cui gli sono stati trasmessi. Per me è particolarmente emozionante, poiché la maggior parte di questi li ho appresi da mio nonno Michele, e chissà quanti, come me, hanno avuto la fortuna di ammirare la storia del nostro paese negli occhi degli anziani anche attraverso la cultura orale, così da diventarne veri e propri custodi. 

filastrocche greci
foto di Loris Cutillo

filastrocche

Çë isht i bukur ki Katund (Com’è bello questo paese)

Çë isht i bukur ki Katund  (Com’è bello questo paese) 

kush ka derkun bën panund  (chi ha il maiale può fare il pane unto)

kush ka një vashiel ma vër (chi ha una botte di vino)

bën një bukur primaver (può trascorrere una bella estate)

kush ka gjthse (chi ha tutto)

ha, pi e veta fle (mangia, beve e dorme)

kush nëng ka mazgjë (a chi non ha niente)

mangu ziari nëng i zë (non si accende neanche il fuoco)

Bia shi bia borë (Piove, nevica)

Bia shi bia borë (piove, nevica)

tata vata ka një horë (papà è andato in un paese)

Bia shi bia lëng (Piove brodaglia)

tata vata Kastielfrëng (papà è andato a Castelfranco)

Cimbla cimbla mazulè (Pizzicotto dopo pizzicotto)

Cimbla cimbla mazulè (pizzicotto dopo pizzicotto

hipan lart e bia prë dhe. (sali sopra e cadi per terra)

Kikiriki manxhiami (Chichirichì mangiamì)

kikiriki manxhiami (Chichirichì mangiamì)

ngreu nusa sa u di (alzati sposa che si è fatto giorno)

Sa shëkanata beri gjeli (quante pagnotte di pane ha fatto il gallo)

makaruna ka tiganieli. (la pasta nel tegamino)

Do malkonja kur venja Pan! (Quando vado a Panni bestemmierei)

Do malkonja kur venja Pan! (Quando vado a Panni bestemmierei)

Hanja breqë e milingona (Piuttosto mangerei rospi e formiche)

Ish a mir vetm vera (Sarebbe meglio il vino)

Çë më dedhi ma buzë pëdhërë. (che mi butterebbe col muso a terra, ubriaco).

proverbi e filastrocche greci
foto di Loris Cutillo

proverbi sempre attuali

-Kët zeshë mucëka ku nëng arenë (devi morderti la lingua dove non arrivi)

-Gjaku nëng behat mai ujë​ (il sangue non diventa mai acqua)

-Flit pak e gjegjë shumë​ (parla poco e ascolta molto)

-Gjuha pa ashët çian eshë​trat (la lingua pur non avendo l’osso rompe le ossa)

-Adhé pleshë​ti ben kollan (anche la pulce fa la tosse)

-Je gjah zoqi mbi drizat (sei come l’uccello sulle spine)

-Ndami aratë​ ma çëkatin (dividiamo le noci con il cieco)

-Kushë nëng u lë ka shëpia nëng kët hinj (chi non è nato in casa non deve entrare) 

-Fiala iota ka veshi Krishëtit (la tua parola nell’orecchio di Dio)

-U leqiu bathët ka argoma (sono nate perfino le fave nel maggese)

-Barku plotë këmba lotë (pancia piena gamba ballerina) 

-Do të tatë e gjen të tëme (vuoi tuo padre e trovi tua madre)

-Kanjon sit pë bishëtin (cambi gli occhi con la coda)

-Kush ka buk nëng ka dhëmbë (chi ha pane non ha denti)

-Kur kendonjan shumë gjela nëng behat mai dit (quando troppi galli cantano non sorge mai il sole)

-Kur maçia lan veshin vien shiu (quando il gatto lava l’orecchio viene la pioggia) 

-Lith mushkun kur do patruni (lega il mulo dove vuole il padrone) 

-Luga di çë i ka poçia (il cucchiaio sa che cosa c’è nella pignatta) 

-Kët bëshë mucëkun sa ke grikan (devi fare il boccone quanto hai la bocca)

-Më vraqa ma një fialë (mi hai ucciso con una parola)

-Pleshëti ka miallit ndihat mullënar (la pulce nella farina si sente mugnaio) 

-Bën mir e gjen lik (fai bene e trovi male) 

-Kushë ka plëhë shëkrehan (chi ha polvere spara)

-Nëng ka mangu sit të qer (non ha neanche gli occhi per piangere)

-Kush mbillan gjëmba nëng ktë ve cathur (chi semina spine non vada scalzo) 

-Nëng mba tre qiqëra ka barku (non sai tenere tre ceci nella pancia)

-Kush fle nëng zë liepura (chi dorme non prende lepri)

-Krishëti i bëri e dialli i kuqoqi (Dio li ha fatti e il diavolo li ha accoppiati)

chiesa greci scorcio
foto di Loris Cutillo

Questi sono solo alcuni dei tanti. Essendo stati tramandati oralmente è possibile che qualche grecese li sappia con sfumature diverse, il senso però resta pur sempre lo stesso! E’ fondamentale ricordare e tramandare anche dei semplici proverbi e delle filastrocche. I nostri nonni e non solo, ce li hanno lasciati in eredità, tocca a noi eternarli! 

Autore: Nicoletta Rosalbo

https://www.facebook.com/greciavellino

https://www.facebook.com/Mangone91

 

Booking.com
Booking.com
AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »