Chiesa Maria SS. del Monte Carmelo Cardinale

Mugnano del Cardinale: “L’altra metà di Mugnano: O Cardinal”

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Chiesa Maria SS. del Monte Carmelo Cardinale
Fonte Forum Giovani Mugnano del Cardinale

A dominare la zona Cardinale sono di certo la piccola chiesa con la sua torre a due campane e le scale che conducono al suo ingresso; quest’ultime solitamente fungono da ritrovo per i giovani e mi è dunque impossibile non ripensare alle calde sere d’estate passate qui con i miei amici, a scherzare e gustare una bibita fresca, immerso nella più totale spensieratezza. All’interno della chiesa sono custodite le reliquie di San Liberatore.

San Liberatore Cardinale
Fonte Forum Giovani Mugnano del Cardinale

Secondo la tradizione, nel 1656, periodo della peste, il Santo liberò dalla morte chiunque lo invocasse con fede ed amore e d’allora in poi il popolo lo onorò con il nome di Liberatore. La statua che lo rappresenta, è posta sul lato destro dell’altare, ed è proprio nell’avambraccio, seppur separato dal resto del corpo, che sono custodite le reliquie. Al di sopra dell’altare, circondata da quattro piccole colonne, domina l’immagine di Maria SS. Del Monte Carmelo, è da questo infatti che si è soliti far riferimento alla struttura, anche con il suo nome.

Maria SS. del Monte Carmelo
Fonte Forum Giovani Mugnano del Cardinale

La Vergine, minuta e tenera, è seduta su di una nuvola, con in grembo il Bambin Gesù e ai piedi due angioletti. Il popolo la affianca amorevolmente all’immagine della Madonna delle Grazie e credo che ciò sia dovuto alla dolcezza che entrambe le figure lasciano trasparire dallo sguardo materno. La chiesa presenta anche due altari minori, uno alla destra e l’altro alla sinistra della navata. Uscendo della chiesa, mi attraggono le opere che la decorano.

Una volta fuori mi dirigo verso il Caffè Aragonese, dove avevo appuntamento mezz’ora fa con degli amici che, come sempre, sono in ritardo.

Oggi questa struttura si presenta come un Bar, ma tampo fa aveva tutt’altra funzione. A commissionarne la costruzione furono il Cardinale che governava Mugnano e Giovanni D’Avanzo, figlio del re Ferdinando D’Aragona, tra il 1466 e il 1485. Il palazzo, in seguito, venne trasformato in una grande foresteria chiamato “il Procaccia”, adibito per i pellegrini che si recavano al Santuario di Montevergine. Nel tempo divenne poi un deposito di carbone, in seguito fu utilizzato come sala cinematografica ed anche come ufficio postale. Nonostante i diversi utilizzi, ancor oggi mantiene l’architettura dell’500.

Mi siedo ad uno dei tavolini e rifletto su quanto il tempo possa far mutare ciò che ci circonda. Eppure forse una cosa che non ha subito metamorfosi c’è e a ricordarmelo è l’arrivo dei miei amici, con i quali ormai da dieci anni, passo l’estate ad organizzare quella che, ammetto, ed una delle mie feste preferite…

 

AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »