Monumentale Collegiata Maria SS.ma Annunziata- Pietradefusi

L’antica Collegiata di Pietradefusi

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Monumentale Collegiata Maria SS.ma Annunziata- Pietradefusi
Fonte: Instagram @gianni.scc
Continuando il nostro percorso all’insegna della storia e delle tradizioni di Pietradefusi è doveroso soffermarsi sulla Chiesa Collegiata Arcipretale di Maria SS.ma Annunziata.

Dove?

La Chiesa è situata nella parte centrale del paese di Pietradefusi, nelle immediate vicinanze della Torre Aragonese simbolo del Comune, alle prime propaggini della montagna di Montefusco.
Vista della chiesa dalla torre aragonese
Fonte: Sito www.ssannunziatapietradefusi.it

Quando?

Nel 1728 il Cardinale Nicolò Coscia, pietrafusano, uomo fidato di Papa Orsini a Benevento e a Roma, per l’amore e il ricordo verso la terra nativa, diede inizio alla sua opera più grande: la costruzione dell’attuale Chiesa Monumentale della SS.ma Annunziata, Collegiata e Arcipretale, ancora oggi motivo di vanto ed onore per Pietradefusi.
abside chiesa di Pietradefusi
Fonte: Sito www.ssannunziatapietradefusi.it

Struttura

Il Cardinale ci teneva in particolar modo che la nuova chiesa si presentasse alla comunità come una struttura imponente e maestosa. L’impianto architettonico si presenta a croce greca con tre ampie navate in uno stile tendente al barocco. L’architetto Filippo Raguzzini, a cui furono affidati i lavori, su indicazione del committente innalzò una cupola nel punto di intersezione tra la navata centrale e il transetto. La cupola crollò nel 1799 non venendo più ricostruita.

Nell’edificio risalta la lavorazione del travertino, largamente usato nel portale d’ingresso e nell’alta zoccolatura delle pareti e dei fusti delle colonne, sia all’interno che all’esterno della Chiesa. Nell’abside maggiore trova posto l’altare policromo in marmo di Carrara, vero capolavoro artistico settecentesco.

Sull’altare Maggiore, in un’artistica cornice di stucco dorata, è posto un olio su tela raffigurante la SS.ma Annunziata, titolare della Chiesa. Nella Collegiata degno di nota è l’organo a canne che risale al 1888, opera della Ditta Iantosca di Avellino.

Imponente è la facciata della Chiesa, alta e maestosa, volta a guardare verso oriente e che domina l’intera media valle del Calore. Dal 1905 al 1907 furono eseguiti i lavori di restauro nell’Abside dell’Altare Maggiore, con gli stucchi degli artisti Graziano e Sabatini di Avellino, e le decorazioni del prof. Vincenzo Volpi. L’8 giugno 1916 fu consacrato il nuovo altare in marmo di S.Faustino Martire, Patrono del Comune, le cui sacre spoglie, traslate a Pietradefusi nel 1717 sempre per volere di Mons. Niccolò Coscia, sono conservate nell’artistica statua reliquiario realizzata nel 1836.

Le decorazioni e le rifiniture della Chiesa acquistarono grande pregio e valore artistico quando nel 1945 furono affisse sotto il soffitto centrale tre grandi tele, dipinte dal prof.Giuseppe Leone e da sua moglie Maria Padula, artisti di fama nazionale, e restauratori della chiesa.

Annesso alla Collegiata troviamo il Santuario dedicato a Maria Ss.ma Dell’Arco realizzato nel 1890, dove è conservata un’imponente statua lignea della Vergine datata 1713.

navata principale chiesa di Pietradefusi
Fonte: Facebook-Monumentale collegiata SS.ma Annunziata

Curiosità storica

Grandi e solenni furono le cerimonie per la posa della prima pietra della nuova Chiesa di Pietradefusi nel 1728. Per commemorare degnamente l’evento, il Cardinale Coscia fece coniare una medaglia celebrativa in bronzo commissionandola ad Ottone Hamerani, celebre medaglista ed incisore romano. Venne realizzata un’opera eccelsa: il risultato fu un modello di arte medaglistica di alto valore estetico, in pieno stile barocco. La medaglia riproduce l’imponente sagoma del Cardinale Coscia circondata dalla scritta NICOLAUS S.R.E. PR. CARD. COSCIA ARCH. BEN. COAD. (“Nicolò Coscia, Cardinale Presbitero di Santa Romana Chiesa, Arcivescovo Coadiutore di Benevento”). Numerosi esemplari risultano conservati non solo presso collezioni private, ma anche in alcuni importanti musei, come il British Museum di Londra, o il Museo dell’Arcidiocesi di Olomouc in Repubblica Ceca.
moneta raffigurante card.coscia
Fonte: Sito ww.ssannunziatapietradefusi.it
AUTORE
CONDIVIDI
NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »