copertina quadro torrioni

Torrioni e la cripta segreta

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
copertina quadro torrioni
Quadro di A. Rosiello

'N coppa o' 'ratorio

‘N coppa o’ ‘ratorio è l’espressione che usano i nostri nonni per indicare il luogo dove tutti noi ragazzi spesso ci riuniamo, ma cosa vuol dire davvero? Il significato di questo soprannome ha origini antichissime.
“L’oratorio” negli anni ha subito tante trasformazioni fino a diventare poi oggi la piazzetta che tutti conosciamo. Le origini risalgono alla formazione di una confraternita formatasi a Torrioni nel ‘700.

entrata cripta torrioni
L'entrata della cripta

Nel 1702 l’arcivescovo di Benevento Vincenzo Maria Orsini durante una delle sue sante visite a Torrioni invita il parroco a costituire una confraternita, imponendo intanto l’iscrizione a quella di Altavilla. Tre anni più tardi ventisei aspiranti confratelli di SS. Rosario rappresentano al cardinale Orsini il desiderio di vedere nel paese una confraternita propria, ma la vicinaza con Petruro e Altavilla non aiuta a far ottenere il permesso di costruire l’oratorio tanto desiderato. Tuttavia per i confratelli dediti al lavoro nei campi era imposibile spostarsi quotidianamente fino agli altri paesi per frequentare gli esercizi spirituali; inoltre essere un’istituzione del genere comportava numerosi privilegi oltre a quello di aver un’assistenza funeraria e una sepoltura completa; fu soprattuto questo il motivo che spinse il parroco a far accrescere sempre di più il numero degli aspiranti confratelli, riuscendo poi nel 1736 ad avere l’autorizzazione alla costruzione dell’Oratorio del SS Rosario.

cripta articolo torrioni
Gli scolatoi

Scomparso poi nel tempo, dell’edificio oggi rimane solo la cripta sottostante. Quest’ultima detta “a scolatoio” risale ad una pratica tipica del ‘700 ed è formata da 25 scolatoi, ovvero delle piccole cavità di pietra a forma di sedia in cui si appoggiava il cadavere in posizione fetale per fargli perdere i liquidi fino all’essicazione: una sorta di mummificazione. Si procedeva poi con la pulizia e l’accatastamento delle ossa che a volte venivano utilizzate anche come particolari decorazioni.

cripta interno
L'interno della cripta con i suoi sedili in pietra

Ancora oggi a Torrioni si utilizza scherzosamente l’espressione di malaugurio “Puozzi scolà” che ricorda proprio l’uso di questa pratica. Visitare la cripta oggi è un’esperienza che può trasportarti direttamente in un film dell’orrore, soprattutto se ci si ferma un istante ad immaginare cosa accadeva lì dentro. Attraverso una piccola porta di ferro si entra nell’edificio, e superato un arco fatto di pietre e poi ancora qualche scalino, ci si ritrova nell’aula principale formata dai sedili e dai resti di una scala che s’interrompe. Il buio può giocare brutti scherzi poiché l’unico modo per far luce è utilizzare una torcia, e le ombre che riflettono sulle vecchie pietre possono darti la sensazione di non essere solo!

AUTORE
CONDIVIDI
NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato sulle uscite dei paesi che più ti interessano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »