Paese Calitri

“Venni, vidi, ‘vichi’”: Calitri è casa

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Paese Calitri
Fonte: Antonella Gallucci

Nasce la piattaforma ‘Irpinia World – Esperienze Magiche’, lanciata da Gerardo Megaro per valorizzare, riscoprire e dare visibilità ai nostri territori, troppo spesso sottovalutati, purtroppo anche dagli stessi abitanti, sotto vari aspetti.
Perciò ho deciso di portare il mio paese, insieme ad altri blogger ed ai rispettivi paesi, all’interno di questo progetto, sperando che ogni mia parola possa suscitare in ogni lettore quelle emozioni, fatte di un misto tra felicità ed orgoglio, che io provo ogni volta che sento il nome del mio paese, Calitri, il nome dell’Irpinia.

La Positano d'Irpinia

Mai come in questo periodo storico, ci siamo trovati a riscoprire il vero significato della parola CASA. E allora il pensiero è andato, inevitabilmente, a tutti coloro che avrebbero voluto stare a casa, sentendosi a casa. Per tutti noi calitrani, vicini e soprattutto lontani, la sensazione di stare a casa inizia con lo scorgere delle sagome degli alberelli che si trovano nei pressi della chiesetta di Santa Lucia. Da lì, il paese incastonato inizia a mostrarsi in tutta la sua bellezza, fatta di case sovrapposte l’una sull’altra: la classica visuale che ha dato a Calitri la denominazione di ‘Positano d’Irpinia’. Case in cui sono custodite gelosamente le storie dei nostri nonni, dei nostri antenati. Case separate da vicoletti stretti, dove dietro il silenzio assordante riecheggiano voci dialettali, risate, suoni. 

Calitri - Borgo Castello
Fonte: Antonella Gallucci

In cima a questo maestoso presepe fatto di casette, luci, colori contrastanti ed archi, si scorgono i resti del castello, la cui costruzione è iniziata in epoca longobarda-normanna, potenziata successivamente di strutture difensive durante il Regno di Federico II e passato poi alla famiglia Gesualdo, principi di Venosa, agli inizi del ‘300. Passando dai Gesualdo ai Ludovisi e infine ai Mirelli, dopo aver subito distruzioni sismiche e ricostruzioni, divenne un vivace quartiere abitato fino al 1980, quando i crolli del disastroso terremoto hanno portato al definitivo abbandono della parte alta del centro storico. Oggi la stessa è divenuta un importante luogo di turismo, attraverso visite guidate da parte della Pro Loco Calitri.

Verso il futuro guardando al passato

Vicoletti di calitri
Fonte: Antonella Gallucci

Insieme proveremo ad addentrarci in questi vicoletti, in un viaggio a ritroso nel tempo, attraverso i racconti tramandati dai nostri nonni, le tradizioni che la comunità cerca di portare avanti per preservare il patrimonio del passato. Ma cercheremo anche di scoprire gli aspetti più moderni e le iniziative messe in campo per costruire un futuro, frutto di un binomio tra innovazione e tradizione.

AUTORE
CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Translate »