Le Verginelle cantano l'inno alla Madonna delle Grazie

L’inno, le verginelle e la festa della Madonna delle Grazie

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Le Verginelle cantano l'inno alla Madonna delle Grazie
Foto: Gerardo Sorrentino - Le Verginelle cantano l'inno alla Madonna delle Grazie la sera del 2 luglio

Le feste del cuore, quelle che riuniscono tutto il paese, sono per lo più le feste religiose e patronali. Oggi vi racconto la festa della Madonna delle Grazie e il “corteo delle verginelle” di Montella.

A dire la verità un evento che coinvolge buona parte della popolazione è la sagra della castagna, ma l’atmosfera di una festa che ha anche il suo aspetto religioso è totalmente diverso. Il patrono di Montella è San Rocco, ma ahinoi, non ha una degna festa patronale. Il motivo è, molto probabilmente, il fatto che fino al 16 agosto di feste ne abbiamo fatte già due: quella del Santissimo Salvatore nella domenica della Santissima Trinità (di cui vi ho parlato nell’articolo sul santuario che potete leggere cliccando qui), e quella della Madonna delle Grazie il 2 (e l’1) luglio.

Queste due sono feste molto simili. C’è una processione (come vi ho raccontato nell’ultimo articolo che potete leggere cliccando qui) e la festa la sera. Quella festa dove incontri davvero tutti, dove lo street food è sempre il panino con la salsiccia cotta alla brace, e per dolce lo zucchero filato. La festa con le luminarie, dalla quale torni a casa solo dopo aver comprato una busta di noccioline e una di caramelle, e se hai con te dei bambini anche un giocattolo odioso e rumorosissimo ma che tu stesso hai voluto alla loro età. La festa d’estate, dove non ti devi preoccupare di far tardi perché la scuola finita, quando vai via dalle giostre perché letteralmente ti stanno cacciando fuori dopo che hai anche speso un patrimonio al tiro al bersaglio. La festa dove giri e rigiri, ma ti ritrovi comunque sotto il palco a cantare l’unica canzone che conosci del cantante che ha ingaggiato il comitato. La festa dove c’è chi sfoggia già una mezza abbronzatura, e chi invece alla festa non c’è perché è già al mare.

 

Questa festa per me è la festa della Madonna delle Grazie.

Statua della Madonna delle Grazie in processione
Foto: Gerardo Sorrentino - Statua della Madonna delle Grazie in processione

La festa della Madonna delle Grazie

La Madonna delle Grazie dimora nella chiesa (ex parrocchia) di San Silvestro, nel rione Fondana. La festa a lei dedicata ha una lunga e particolare tradizione. Da tempo immemorabile il cuore dell’evento era nell’attuale piazza “G. Matteotti”, di fronte al monumento ai caduti, luogo noto ai montellesi come “ ‘nnanzi corte” (avanti corte). Qui veniva allestito il palco per l’intrattenimento, l’asta dei doni e il canto delle verginelle. Diversi anni fa si decise di spostare tutto più giù, a “Largo dell’Ospizio” (già piazza Principe di Piemonte, oggi piazza Apicella) per motivi di spazio. Vi dicevo di avanti corte, questa denominazione deriva dalla posizione della residenza del feudatario. Infatti ci riferiamo all’altra parte del quartiere come “arreto corte” (dietro corte). Questo ci fa pensare che già in tempi feudali una festa si celebrasse davanti al palazzo del feudatario.

Madonna delle Grazie anni '70
Foto Storica del palco "avanti corte" per la festa della Madonna delle Grazie nei primi anni '70 con il M° Emidio Grandis

Come per la festa del Santissimo Salvatore, durante i pomeriggi dell’1 e 2 luglio, viene bandita un’asta con la vendita dei doni. Le attività donano prodotti che vengono messi all’asta e i ricavati contribuiscono alla buona riuscita della festa. Ma è un appuntamento a dir poco folkloristico, al limite dello show. Il mio primo ricordo di questo evento nell’evento è “Cocchia di casicavaddri. E cinquantamila lire e uno, e cinquantamila lire e due, e cinquantamila lire e tre, aggiudicato!” ma non è difficile aggiudicarsi un pollo, un capretto o una TV.

 

L’appuntamento religioso culmina con la processione il 2 luglio, dopo una novena alla Madonna delle Grazie. La processione, la sola che vede a Montella la statua del santo portata su un carro e non in spalla, circa a metà del su percorso, accoglie anche il corteo delle verginelle.

Il corteo e l'inno delle verginelle

Il cuore della festa è la sfilata delle verginelle. Diverse ragazze indossano gli abiti nuziali delle spose dell’anno, le bambine, invece, i vestiti della prima comunione, e portano le lettere per comporre

“AVE MARIA PIENA DI GRAZIA”,

le corone, composizioni floreali e il palio. Prima di raggiungere la chiesa di San Silvestro, con la processione, fanno tappa sul palco per cantare l’inno alla Madonna delle Grazie di Montella. L’inno che viene attualmente eseguito fu composto, sia nella musica che nel testo, da P. Antonio Maria Palatucci (Montella 1883 – Napoli 1941) probabilmente durante gli anni 20 del 900. Prima di questo l’inno era stato scritto dal Maestro Antonio Riso, ma non abbiamo altre notizie di inni precedenti. L’inno alla Madonna delle Grazie cantato dalle verginelle riassume i capisaldi della teologia mariana, e buona parte della popolazione montellese, e la quasi totalità di quella femminile, è in grado di cantarlo a memoria.

Negli anni non sono mancate le critiche e i commenti a questa particolare tradizione del corteo delle verginelle, che non è ovviamente un défilé di moda o una sfilata di ragazze in età da marito, ma sicuramente uno dei punti ideologici di aggregazione popolare e religiosa. Non sono in grado di tracciare un profilo teologico o fare una ricerca precisa ed accurata che colga tutti i profili e le sfumature di questo evento, ma per meglio comprendere il motivo e il significato del corte delle verginelle vi lascio qui una parte della preghiera che viene recitata alla madonna, da una bambina, prima dell’inno:

“Quanta gioia diffondi nel cuore, o Madonna delle Grazie, in questo giorno, che da tanti secoli, il popolo di questa nostra Montella dedica a te, con la tradizionale sfilata delle verginelle! Il candore dei nostri abiti, che illumina di luce tutta particolare questa piazza, vuol ricordare a tutti i tuoi devoti, agli uomini e alle donne di buona volontà del mondo intero, di seguire le parole del Vangelo con purezza d’intenzione e con la semplicità delle colombe. Accogli, o Madre di Gesù e Madre Nostra, Maria, il nostro inno, che è canto di gioia e di lode, per i doni immensi che ci fai e perché Tu sempre accresci la fede che ci è stata donata nel battesimo. Accogli, o Madonna Bella, anche la preghiera che schietta e sincera sgorga dal nostro cuore, questa sera, dinanzi alla tua antica e familiare immagine (…)”.

Potete trovare e leggere tante storie di tradizioni religiose dei nostri splendidi comuni qui su Irpinia World, ma spero davvero di avervi incuriosito e di ritrovarvi lungo via del Corso o Piazza Apicella durante la festa della Madonna delle Grazie a Montella. 

AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »