Home » Irpinia » Il pulieio che cos’è?

Il pulieio che cos’è?

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!
Mentha pulegium
Foto Antonio Ferragamo

Il Pulieio : che cosa è ? Proprietà ed utilizzi

Valorizzare il territorio significa eviscerarne tutte le diverse potenzialità latenti e portarle all’attenzione di quante più persone possibili affinchè possano essere spunto d’ indagine particolareggiata e settoriale.

Il territorio Irpino eccelle per una spiccata biodiversità che si traduce in una varietà di flora e fauna.

 L’ argomento di cui vi parlerò oggi parte proprio dalla ricca biodiversità Irpina

Mentha pulegium
Foto Antonio Ferragamo

Il pulieio che cos' è ?

Il termine pulieio è una distorsione dialettale italianizzato in puleggio.

Dall’etimologia pulejum deriva da pulex, pulce  Il nome scientifico è “ Mentha pulegium “  ed e’ una pianta erbacea perenne conosciuta anche come “ menta romana” .

Più   semplicisticamente il pulieio  è una varietà di menta selvatica in rapporto di species a genus nel senso che è una specificità o diversità  della famiglia della menta e più in particolare delle Lamiaceae. La particolarità che la contraddistingue facendone un “unicum”  è  il  caratteristico odore aromatico molto intenso.

Il pulieio non è una scoperta recente ma il suo utilizzo era  già noto nell’ antichità classica ai romani che la utilizzavano contro i disturbi respiratori.

Dove si trova?

Il  termine pulieio italianizzato in puleggio si può trovare in abbondanza in   tutta l’  Irpinia fino ad un’ altitudine di 1000 metri ma la zona più vocata è la Valle dell’ Ufita.

Il periodo di fioritura è da maggio a settembre e può raggiungere un’  altezza anche di 30/40 cm. Cresce nei luoghi più disparati prediligendo zone ombreggiate e umide.

Curiosità ed aneddoti

Il pulieio è stato storicamente   definito anche mentuccia   per   le sue foglioline molto piccole rispetto alle foglie della menta comune.

Ma più colorito è  l’ appellativo di menta della pulce così come  riporta Plinio. Per diversi secoli   infatti il pulieio  è stato  utilizzato per allontanare i parassiti in particolare la pulce ma anche scarafaggi ed insetti vari.

Utilizzato anche come rimedio abortivo, ad alte concentrazione l’ olio essenziale di pulieio poteva indurre delirio o anche narcosi ma soprattutto aveva  natura psicotropa. Secondo alcuni, anche se è opinione molto discorde, il pulieio  era l’ ingrediente segreto  utilizzato insieme ad altre sostanze durante i misteri eleusini.

Utilizzo nella medicina popolare

Non solo in epoca classica ma anche nel Medioevo il pulieio aveva molteplici impieghi. Rimedio contro le contratture, espettorante se unito al miele, potente afrodisiaco, depurativo ma anche infuso contro l’impotenza. Antidepressivo.

  Utilizzato per lenire il dolore del parto o come decotto per favorire le mestruazioni. Lenitivo contro le punture di insetti, antisettico con proprietà   vermifughe veniva somministrato ai bambini contro i parassiti intestinali.

Anche la magia popolare non disdegna di utilizzare il pulieio unito ad altri ingredienti    mediante rituali, sia per   ingraziarsi i favori di una donna sia per legarla all’amato.

Il pulieio in gastronomia

Cicatiell co lo pulieio
Foto di repertorio

In Irpinia viene preparato il sugo con il  pulieio che dà al primo piatto un gusto inequivocabile, intenso che rimanda alla cucina contadina povera e genuina di un tempo.

L’ abbinamento inscindibile per eccellenza   è il pulieio   con i “cecatiell” ossia i cavatelli freschi, pasta incavata   per essere più digeribile. I “cicatiell  co lo pulieio “ costituiscono attualmente  il piatto tipico irpino per antonomasia.

In più occasioni chef stellati se ne sono interessati e la curiosità di un primo piatto così semplice ma così sui generis   ha carpito anche l’ attenzione di trasmissioni televisive nazionali che più volte sono venute in Irpinia per mostrare le varie fasi della preparazione fino  al piatto finito.

Soprattutto in estate ci sono diverse manifestazioni gastronomiche sparse in diversi paesi irpini che propongono questo primo piatto. In primis Grottaminarda,  Montecalvo Irpino, Bonito, Melito Irpino, Montemiletto, Mirabella Eclano, Torre le Nocelle, Frigento  hanno valorizzato molto questa tradizione culinaria.

Oltre ai” cicatiell con pulieio” altra pasta sempre rigorosamente fatta a mano che si sposa bene con il pulieio sono “ le laine” (tagliatelle).

Angolo del Vernacolo

Si pas a na cert’ora rind a lo vico 

può senti ancora no profumo antico,

mamma c’addore

te se rapre lo core!

E’ come si o veresse chiro teaniello 

addò co l’uglio sfrie puro l’aglitiello 

e po aunite a sti ingredienti

tante fogliolelle, tutte uguali e tutte verdi,

ca ollenno chiano chiano

fanno saglie ncielo

n’aroma sovrumano.

E pe finì qualche pacchetella 

e pommarola,no poco e stratto

pe fa la salsetella

e il tutto è fatto.

Come vuless vasà chere duie manelle

c’hanno ammassato tant bell cicatiell

ca aind a la zuppiera tutt fumant

aspiettono pulieio e zuco abbondant.

E quanno lo coppino 

re enghe li peatt ha finito

a tutti ricimmo:

buon appetito!

(Fonte Pro Loco “La Fenice” Mirabella Eclano)

AUTORE
CONDIVIDI

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

NEWSLETTER

Resta aggiornato sulle nostre novità!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai una mail con gli articoli che più ti interessano!

EVENTI

Visita la nostra sezione eventi!

Scopri gli eventi che si terranno in Irpinia e decidi a quale partecipare!

Lascia un commento

Translate »
error: CONTENUTO PROTETTO!
Apri Chat
1
Ciao!😁
Come possiamo aiutarti?😊